Gliel’ho detto tre volte, guarda che è matto. Ride. Mi fa una rabbia. Ho sempre provato rabbia davanti alla sufficienza. Carla teneva quell’atteggiamento sul lavoro, anche con me. La sera no, si faceva dolce ma prima se la menava per circa un’ora tra passeggiate, gelato,  malumori della madre e fissazioni del padre, più opprimenti che mai. Mi rigirava tutto manco fossi il suo cestino dei rifiuti tossici. Però poi mollava. Ma questo qui è il tipo che  ride ai funerali, glielo leggi in faccia. quel solco sulla guancia destra  stampato come fosse uno sfregio da arma bianca. E ride

 

Il cavallo si alza. Con la solita eleganza   gira appena a  destra, fa una elle e scopre la regina nascosta dietro. Il suo re è bruciato. Te l’ho detto stronzo, è matto.

Annunci

Informazioni su nomefalso

Tell people a little bit about who you are
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...