Concertare o decidere?

La concertazione fra Governo e parti sociali su importanti scelte di politica economica, è stato di recente il tema più dibattuto tra i media e sul web.  Alla ministra Fornero sembra assegnato il ruolo di “punta di diamante” del Governo Monti, con l’obiettivo di sondare umori e reazioni del paese attorno a delicati  temi, proponendone visioni e letture sempre più “spinte”. Quello della “concertazione” ha appassionato un po’ tutti. Tralasciando  gli interventi di parte, cioè di esponenti sindacali e dell’associazionismo industriale, gli opinionisti  si sono sbizzarriti, equamente disposti a tinte dai toni sfumati, tutti o quasi dalla stessa parte, cioè a favore della tesi della Fornero, corroborata successivamente dall’avallo di Sir Monti. Ciò di cui pochi si accorgono è lo stravolgimento del senso delle parole e del significato   dei più elementari  principi di democrazia costituzionale operato da questo Governo.

Ma siamo appena all’inizio e i lavori restano  in corso d’opera. In un mondo governato dalla parola e dai media,  le più efficaci riforme   sono quelle semantiche (cfr. Hannah Arendt “Vita activa “, ed. Bompiani, 2003). Laddove non si provi neppure con la procedura costituzionalmente prevista, ad esempio, a cambiare l’art. 1 della Costituzione, si provvede con una “battuta” secca della Ministro:   “Il lavoro non è un diritto”. Il dibattito è aperto e seguono interventi d’ogni genere nei quali si sciorinano le più invereconde teorie giuslavoristiche, sociologiche, filosofiche, giuridiche. Ma anche statistiche, matematiche, mediche, religiose. Quelle a favore della tesi della Fornero non le citiamo perché in qualche modo coerenti  con  e conseguenti ad una certa visione del mondo che vorrebbe i lavoratori, le persone, i cittadini, assegnati alle loro necessità di vita, alle attività umane, non per diritto universale inderogabile ed inalienabile (diritto alla sopravvivenza) ma    in virtù di una   risultante economica consegnata al gioco della domanda e della offerta, sistema a sua volta poco governato e sempre più deregolamentato. E’ un’idea di convivenza civile (meglio sarebbe dire incivile) che non può essere rispettata perché  in contrasto, oltre che con la Costituzione italiana,  almeno con altri due  fondamentali istituti normativi dei paesi occidentali: la  Convenzione internazionale dell’ Aja del 1899,  la Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo. Quest’ultima – non per indeterminata variabile economica  ma per definita volontà delle parti –    firmata a Roma  il 4 novembre 1950.

 Il lavoro di delegittimazione linguistica e mediatica dei valori di convivenza  civile continua e il “cavallo i Troia” (leggi Fornero n.d.r.)  si insedia in un’altra piazza espropriando l‘Agorà del diritto di scegliere e concordare assieme le più importanti misure di politica economica del paese. In buona sostanza il “Paese”, proprietario assoluto di se stesso,  non può indicare al suo amministratore pro-tempore cosa ritenga “bene” e cosa  “male” per sé,  quasi fosse un minore sotto tutela, espropriato d’ogni capacità giuridica.

Dunque, la “concertazione” diventa  un altro tassello valoriale, costituzionalmente protetto,   da riformare per via semantica. Dopo l’infausta  uscita della Fornero, sul tema si sprecano, anche qui, gli “sciorina-menti” delle più avanzate teorie politologiche, tanto futuristiche  che se ne perde  la consistenza in riferimento allo status quo. Il  paese ha  molto  più bisogno di collaborare  che di competere, proprio in virtù della contingenza economica e sociale in cui versa, e dovrebbe  conservare i pochi istituti normativi capaci i aggregare. “Concertare” non è solo il modo migliore di condividere  scelte strategiche per la tutela di “beni comuni”, in economia come nel sociale,  ma soprattutto   indifferibile  strumento di coesione del collettivo – o delle “parti”, per  usare metafore contrattualistiche –  nelle fasi storiche  di crisi sistemica. Non sembra vero  lèggere  interventi inneggianti al decisionismo, mascherati nel binomio truffaldino democrazia-responsabilità, da penne solitamente  attente al riverbero politico e  sociale di certe posizioni concettuali.

Insomma, si ricava la sensazione sconfortante che  la caduta del medioevo della casta e delle lobby resti sospesa sine die in un limbo che somiglia più al paradiso che all’inferno, nel senso che continua a mantenere intatti tutti gli indebiti privilegi arraffati nel tempo. Mentre i signorotti medievali promettono d’emendarsi, eleggono l’amministratore  pro-tempore di tutti i cittadini, col mandato di saccheggiare diritti e conservare privilegi, in nome d’una Europa che vorrebbe disporre sempre più rapidamente e con strutture “concentrate”,  per meglio esaudire   le istanze dei mercati,  dove la ricchezza si deposita in forma incessantemente più apicale, proprio grazie alla “rapina  in progress”,  dal forziere dei diritti e delle tutele umane, costruito, senza retorica, col sangue e con le guerre del novecento. Su cosa fonda il terzo millennio il diritto i retrocedere all’anno zero della civiltà giuridica e sociale, trecento milioni di cittadini  Europei?

Annunci

Informazioni su nomefalso

Tell people a little bit about who you are
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...