Genny ‘A Carogna

Nel dialogo/intervista “Patria senza padri”  tra Christian Raimo e Massimo Recalcati, si tratta, tra le altre cose, di violenza. Recalcati traccia i caratteri della trasformazione della violenza e del suo ultimo approccio: Lo svuotamento di senso politico. Si delinea la nuova forma di “violenza erratica” d’una generazione senza padri, partorita da una classe politica senza più radici (sintetizzata nel paradigma “il discorso del capitalista”). Sarebbe troppo facile speculare sia nel senso paternalistico (rievocando la necessità dell’autorità del padre/padrone edipico, ormai “evaporata”  nella modernità liquida) sia in quello moralistico d’una società ormai priva di valori. Introduco questo riferimento perché, a mio avviso, la centralità del pezzo di Raimo sta nel rinnovato statuto dell’immagine, assieme reale e simbolico e di come la “violenza erratica” impolitica possa essere strumento di qualunque uso immaginifico e commerciale. Giustamente Raimo riannoda gli ultimi eventi attorno al disincanto. Non ha nulla di eroico il gesto di Genny ‘A Carogna così come si svuota d’ogni significazione politica quello di Dani Alves. Resta l’immagine: quella del padre-padrone-capopopolo , corpo reale di matrice fascista (cui la filosofia della gestione dell’ordine pubblico deve allinearsi) che scende nella materia/stadio e regola il sistema per consentire al vero grande Padre (business soft delle televisioni) di incrementare la sua potenza, ora intimamente legata alla cifra di violenza intrinseca  che lascia immaginare di poter maneggiare. Questo è il messaggio: La faccia simbolica dell’ immagine che si riunisce,nell’Uno paranoico, con quella reale (materia/stadio) . L’immagine resta l’unico valore forte che assorbe dentro la sua ipertrofica funzione sociale l’antica missione simbolica, assieme al neo assunto dato reale e concreto del business miliardario che incarna.

La dialettica simbolico-reale, diaframma spazio-temporale indispensabile al discorso umano, si fonde: il passaggio all’atto sembra diventare l’unica narrazione possibile. E, paradossalmente, si assume nell’assenza di parole.

Annunci

Informazioni su nomefalso

Tell people a little bit about who you are
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...