La notte europea. Ricostruzione di un tradimento

Franco Berardi Bifo propone un’ottinma analisi anche se il paragone con la Grecia é improprio in quanto la Gran Bretagna non è mai entrata nell’euro mentre i problemi della Grecia dipendono proprio dall’euro . Trovo invece centrato il punto sulla flessibilità del consenso dei lavoratori europei alle politiche di austerità ma soprattutto dei sindacati e,  più in generale,  su quelle che riguardano  welfare. Proprio su questa disponibilità nel mondo del lavoro nascono le due forze dominanti delineate da Bifo,  che si contendono ormai in modo esclusivo lo spazio politico esistente: protezionismo nazionalistico di matrice nazifascista contro l’asse burocrazia-Finanza. Come si fa allora a proporre una politica diversa europea , con quali forze sociali? E quando ai detrattori della Unione Europea si risponde “con più Europa” ,” cessione di maggiori quote di sovranità”, non si offre un assist proprio a quel nazionalismo fascista che legittimamente intravede nell’operazione ” più Europa” un ulteriore rafforzamento delle strutture tecnocratiche e finanziarie ? Non si fa il gioco del pensiero cupo e populista che con forza propagandistica rinnovata si erge a difensore del popolo, contro le banche e la Finanza e i tecnocrati? Non sarà proprio questa proposta di ulteriore cessione di sovranità all’Europa, senza prima aver radicalmente cambiato la politica europea, la sepoltura definitiva dell’Europa ?

Annunci

Informazioni su nomefalso

Tell people a little bit about who you are
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...