NULLA DI IMPERSONALE

com’eravamo
attaccati alla vita
sanguisughe

il sarcasmo sferzante
ad umiliare gli umili
amico mio
cavalcato assieme al tuo
per non esserne schiacciato
fughe

parole attorcigliate dentro l’alba
domande infinite
a filosofare dio
per non guardare
la miseria dentro noi
rifiuti

e poi gli amori
scrutavi le mie donne
come fossero tue
intemperanze, rabbia
esplosioni d’ira
abbandoni
ero l’attore
tu pacato osservavi
compiaciuto
dei miei fallimenti
al sicuro
dal tuo sarcasmo
protetto

anche gli infiniti palleggi nel cortile
i dribbling nel campo grande
i tuffi dallo scoglio appuntito
le botte prese e date
il sangue dalle mie ferite

tu vivevi dentro la mia audacia
e quella smorfia, la risata
taglio sbieco sulla guancia
che t’arriccia l’espressione
come un crisantemo
t’è rimasto segno immortale
fascino tuo
consensi raccatta
manto colorato e festoso
sulla tua viltà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...